Spedizione gratis a partire da 19€

Scatti di crescita: cosa sono e come affrontarli

Se il tuo bambino o la tua bambino da un giorno all’altro ti sembra un’altra persona, che piange apparentemente senza motivo, che si innervosisce improvvisamente e fa fatica a dormire, è possibile che stia attraversano uno scatto di crescita. Lo so, è spiazzante, specie se ti sembrava di iniziare finalmente a capire i suoi bisogni e di riuscire anche a soddisfarli!

Gli scatti di crescita, così vengono chiamate queste accelerazioni dello sviluppo che interessano la vita del nostro cucciolo specialmente nei primi mesi di vita, sono per noi genitori un vero momento di crisi, in cui ci sentiamo impotenti e sopraffatti da qualcosa che inizialmente non siamo in grado di comprendere. La sensazione è quella di fare un passo indietro, se non addirittura due, invece di andare avanti. 

Cara mamma o caro papà, non disperare, perché c’è una soluzione a tutto, anche ai pianti che ora ti sembrano inconsolabili, te lo assicuro, ma è necessario armarsi di tanta pazienza, empatia e conoscenza. In questo articolo, da genitore e genitore, ti accompagnerò in un viaggio alla scoperta degli scatti di crescita, mese per mese, che segneranno lo sviluppo e l’evoluzione del tuo bimbo o della tua bimba, durante tutto il suo primo anno e mezzo di vita.

Che cos’è uno scatto di crescita?

Uno scatto di crescita è una fase della vita di un neonato, in cui lo sviluppo cognitivo e motorio accelerano improvvisamente. Provo a fare un esempio, immagina di crescere di 10 centimetri da un giorno all’altro o di imparare una lingua nel giro di una sola notte, sarebbe un po’ destabilizzante, non credi? 

La stessa cosa accade al tuo bambino. Mano a mano che cresce, il tuo piccolo inizia a comprendere il mondo che lo circonda, a vedere più nitidamente le cose e le persone intorno a lui, ad afferrare gli oggetti, a girarsi, a sedersi e così via, fino ad alzarsi in piedi e a dire le prime paroline. Un bel percorso impegnativo, se teniamo conto che tutto questo avviene in un solo anno e mezzo di vita.

Come riconoscere lo scatto di crescita in un neonato?

Sono sicura che sei qui è perché hai già notato qualcosa di strano e non sai spiegarti il motivo di un pianto improvviso e implacabile o di una routine nanna che ha smesso di funzionare da un giorno all’altro. Tutto nella norma, probabilmente il tuo piccolo sta affrontando uno scatto di crescita. 

Se però volessimo cercare di identificare dei “sintomi” che ci aiutano a capire se siamo effettivamente di fronte a uno scatto di crescita oppure no, ecco qualche indizio:

  • pianti frequenti e difficili da consolare
  • richiesta maggiore di latte sia in termini di quantità che di frequenza
  • risvegli notturni più frequenti e difficoltà a riaddormentarsi
  • irrequietezza generale
  • necessità di stare a contatto, specie con la mamma (soprattutto se viene allattato al seno)

Ora che conosci i segnali di uno scatto di crescita, sono sicura vorrai sapere anche come poter sopravvivere a questo momento così provante per tutta la famiglia. 

Ma prima vorrei rassicurarti. Sentirsi incapaci e non all’altezza è un sentimento che accompagnerà la nostra avventura come genitori per tutta la vita.Non riuscire a consolare il nostro bambino durante un salto di crescita come questo, non fa di noi dei cattivi genitori, anzi, se sei qui a informarti su come poter migliorare e accudire meglio il tuo piccolo in queste fasi turbolente del tuo sviluppo, stai proprio facendo quel che un ottimo genitore dovrebbe fare.

Come riconoscere lo scatto di crescita

Scatto di crescita del primo mese
(4 settimane)

Il tuo piccolo è appena venuto al mondo, si sente spaesato. Prova a immaginare di trovarti tutto ad un tratto in un luogo estremamente grande rispetto a quello in cui vivevi fino a qualche settimana fa. Improvvisamente cominci a sentire sensazioni che prima non avevi mai provato: le persone ti toccano, ti vestono, ti lavano e se prima era un cordone ombelicale a nutrirti, ora devi arrangiarti. Un bel cambio di vita, no? 

Ecco, il tuo piccolo sta vivendo tutto questo ed è normale che sia un po’ infastidito. Durante questo scatto di crescita, il tuo bimbo scoprirà i sensi e scoprirà di preferirne uno rispetto agli altri. I suoi occhi cominciano a mettere a fuoco gli oggetti a 75 centimetridi distanza, mentre appena nato il suo campo visivo riusciva a inquadrare uno spazio compreso tra 20-30 centimetri dal suo naso.

Scatto di crescita dei 2 mesi
(7 settimane)

Durante questo scatto di crescita il tuo piccolo entra nel mondo degli “schemi”, noterai che inizierà a guardare il tuo viso in modo diverso e ad apprezzare le forme e i contrasti. Lo troverai particolarmente attratto dai rami degli alberi in contrasto con il cielo azzurro e dalle righe sull’abito che indossi. In questo scatto il tuo bimbo scopre anche le sue mani, con le quali può esplorare il mondo, toccare e afferrare le cose. 

In questa fase, inizierà anche a comprendere di poter governare la sua voce, cominciando a fare piccole “chiacchiere” con te. Emozionante.

Scatto di crescita dei 3 mesi
(11 settimane)

Lo scatto dei 3 mesi viene chiamato “delle transazioni fluide”. Cosa significa? Il tuo bimbo ora ha una percezione di sé stesso ancora più chiara e comincia ad avere sempre più padronanza del suo corpo. Noterai che riuscirà a emettere suoni di diversa intensità, prima più bassi e poi più alti e viceversa, perché è in grado di controllare l’aria che spinge sulle sue corde vocali. Nello scatto dei 2 mesi avevo parlato delle prime “chiacchiere”, simili a balbettii, ma in questa fase questi suoni distaccati diventano invece più fluidi, appunto. 

Anche i suoi movimenti diventano più morbidi e meno scattosi, proprio perchè è in grado di controllarli di più. E poi arrivano le bolle di saliva! Ricordo Nicolò quando le fece la prima volta, inutile dirti che sono scoppiata a ridere e allo stesso tempo ne sono rimasta affascinata e colpita.

Scatto di crescita dei 4 mesi
(14 settimane)

Lo scatto di crescita dei 4 mesi è forse uno dei più difficili da superare, soprattutto per noi genitori. In questa fase il vostro piccolo farà un enorme salto in avanti: scoprirà di riuscire ad afferrare qualcosa con precisione, senza sbagliare, inoltre inizierà a emettere non più solo delle semplici vocali, ma anche consonanti, quasi a volerci raccontare qualcosa. Gli esperti chiamano questo evento “lallazione”. 

Con il quarto mese, il tuo bimbo ci vede esattamente come te, ed ecco che il mondo intorno a lui prende una forma nuova e molto più complessa, tutta da interpretare e scoprire.

Scatto di crescita dei 4 mesi

Scatto di crescita dei 6 mesi
(22 settimane)

Anche questo scatto è molto importante perché il tuo bimbo, che entra nel mondo delle relazioni, significa che riesce a capire il rapporto tra oggetto e oggetto e tra oggetto e persona. Ti stupirai moltissimo quando da un giorno all’altro comincerà a manifestare una passione per i contenitori, passando molto tempo a mettere una cosa dentro l’altra e ritirarle fuori per poi rimetterle dentro. 

Ci saranno probabilmente anche forti crisi di pianto, che prima non c’erano, quando vi allontanerete da lui, questo avviene perché pian, piano il tuo bimbo si sta accorgendo di non essere un tutt’uno con te, ma di essere un’entità separata, e che tra di voi possono esserci delle distanze su cui lui non può esercitare alcun controllo. 

Durante questo scatto cresce anche la sua attenzione per i dettagli e sono sicura che all’inizio farai fatica a capire perché per lui un’etichetta è molto più interessante del peluche stesso, ma è affascinante vedere con che curiosità guarda i piccoli particolari degli oggetti che maneggia. All’età di sei mesi, inoltre, il nostro piccolo esploratore comincia a capire che può far accadere delle cose. Mi spiego. Si accorgerà che premendo un pulsante succede qualcosa, è il suo modo di comprendere la relazione tra gli oggetti e le sue azioni.

Scatto di crescita dei 7 mesi
(33 settimane)

Lo scatto delle 33 settimane è incredibile, perché il tuo bimbo comincia a capire che ciò che vede nei libri può essere associato a ciò che vede nella realtà: è il momento delle “categorie”. A circa 8 mesi, la circonferenza del cranio aumenterà repentinamente con conseguenti pianti improvvisi e implacabili. Armati di santa pazienza, sta affrontando davvero un enorme cambiamento.

Scatto di crescita dei 9 mesi
(41 settimane)

Questo scatto è molto importante e impegnativo: il tuo bimbo sta imparando che alcune azioni devono essere fatte in sequenza, che una cosa viene per forza prima di un’altra per raggiungere un obiettivo. Non parlo di cose trascendentali, ovviamente, ma per esempio ora è in grado di comprendere che per mangiare ciò che la sua mamma o il suo papà gli hanno messo nel piatto deve afferrare il cucchiaino e portarlo alla bocca, se il cucchiaino finisce per toccare il naso, non raggiungerà il suo scopo finale.

In alcune occasioni ti sembrerà che faccia apposta a non riuscire a fare qualcosa, chiedendo a te di farla. Non ti sta prendendo in giro, sta semplicemente sperimentando. Vuole conoscere le tue reazioni e capire meglio come tu fai determinate cose per poterti poi prendere ad esempio.

È in questa fase di crescita, poi, che il tuo bimbo comincerà a cercare di farti capire cosa desidera indicando il luogo dove vuole andare o l’oggetto (o il cibo) che vuole afferrare.

Scatto di crescita dei 12 mesi
(51 settimane)

Il tuo bimbo è davvero cresciuto un sacco e lo noti principalmente perché ora sa che una serie di azioni in sequenza concorrono per completare un compito più complesso e raggiungere un obiettivo. Lo so, detta così è difficile da capire, ma mi spiego meglio con un esempio. Potresti notare che tuo figlio, un giorno, afferri la sua giacca lasciata a portata di mano per manifestarti la sua voglia di uscire di casa, questo perché ha imparato che prima di uscire bisogna vestirsi.Per qualche bimbo questa fase è anche un momento importante dal punto di vista del linguaggio, perché potrebbero arrivare le prima paroline, come “mamma” o “papà”. Inutile dirti che è uno dei momenti più emozionanti in assoluto, perché sono sicura che già lo sai.

Scatto di crescita dei 12 mesi

Scatto di crescita dei 14 mesi
(59 settimane)

Con lo scatto dei (circa) 14 mesi, il tuo bimbo scoprirà che per raggiungere un obiettivo può usare diverse strategie, provando e riprovando a intraprendere strade diverse. Se il tuo bimbo già cammina comincerà a chiedersi quali sono le cose che può fare con il suo corpo: posso salire le scale? come faccio a salirle? 

Questo suo voler sperimentare dovrà però essere affiancato da delle regole, che gli permetteranno di capire cosa è permesso e cosa non è permesso fare.

In questa fase la comprensione è la chiave per non perdere la pazienza e cercare di affrontare la meglio i “capricci”, che non sono altro che manifestazioni del suo essere ormai cosciente di poter fare e voler fare delle cose, anche senza di te. È dura e difficile, ma con tanta pazienza e cercando di essere quanto più possibile gentile e tollerante, sono sicura che riuscirai a sopravviere anche questo scatto di crescita e ad aiutare il tuo bimbo a superare anche questo scalino del suo sviluppo.

Scatto di crescita dei 16/18 mesi
(70 settimane)

Ciò che succede in questo scatto è davvero commuovente: il tuo piccolo comincia a capire di essere parte di una famiglia, della sua famiglia. Che i suoi genitori sono diversi dai genitori del suo compagno di asilo, che i suoi nonni e i suoi zii sono solo suoi e non degli altri. Inoltre, sa muoversi molto bene nel suo ambiente familiare e conosce perfettamente che in cucina si mangia, in camera da letto si dorme e in salotto si gioca. 

In questa fase il tuo bambino capisce di avere un volontà, comincerà a dire “io” o “mio” per sottolineare il fatto che ha coscienza di sé e di ciò che vuole. Tutto diventa una contrattazione, iniziano le prime prese di posizione, ma è solo un modo per affermarsi e per dimostrare la propria conquista, passo dopo passo, dell’autonomia.Ogni scatto di crescita porta con sé un evoluzione e un cambiamento importante per il nostro piccolo e per noi come genitori. Cresce lui, ma cresciamo anche noi, giorno dopo giorno. Sopravvivere agli scatti di crescita significa riuscire a comprendere cosa sta accadendo a nostro bambino e trovare il modo per stargli vicino e aiutarlo a superare un momento davvero faticoso e impegnativo. Non sarà sempre facile, molto volte lo sconforto avrà il sopravvento, ma sono sicura che riuscirai a trovare di nuovo la strada e la fiducia in te. Ce la puoi fare, anzi, ce la potete fare!

Potrebbe interessarti

Ciuccio sì o ciuccio no? Facciamo chiarezza!

Ciuccio sì o ciuccio no? Facciamo chiarezza!

È giusto dare il ciuccio al neonato? Quand’è che si può iniziare a proporlo? Scopriamo insieme ciò che devi sapere!

Pelle secca nei neonati: i rimedi per curarla

Pelle secca nei neonati: i rimedi per curarla

I rimedi contro la pelle secca nei neonati. La pelle screpolata nel neonato può essere molto fastidiosa, in questo articolo trovi come curarla.

Scatti di crescita: cosa sono e come affrontarli

Scatti di crescita: cosa sono e come affrontarli

Tutti gli scatti di crescita dalle prime settimane ai 18 mesi di vita del nostro bimbo, con i consigli di una mamma per poterli superare il più serenamente possibile.